La sostituzione della pompa della benzina (o della pompa diesel) è un intervento altamente specializzato che permette di cambiare uno tra più importanti elementi dell’alimentazione di qualsiasi motore. La pompa del carburante ha, infatti, il compito di convogliare verso gli iniettori (o raramente verso il condotto d’aspirazione) il carburante. Quanto costa sostituire la pompa della benzina? Lo scopriremo in questo articolo.

Le moderne autovetture hanno un sistema d’alimentazione particolare che, da un lato, permette di ottimizzare le prestazioni in termini di potenza (CV/kW) in rapporto alla cilindrata. Dall’altro lato, invece, richiede un flusso costante di carburante. Per questo motivo, la pompa del carburante non può essere semplicemente installata ma va calibrata con strumenti capaci di farla dialogare con gli iniettori.

Sintomi della pompa carburante rotta

Il primo sintomo è l’andatura a singhiozzo e a tratti, specialmente durante l’avvio a velocità basse. L’odore di benzina o di nafta è un altro sintomo che precede la rottura della pompa. La rottura della pompa del carburante comporta il fermo del veicolo e il blocco del motore. L’auto sembra volersi avviare ma, in realtà, non avviene l’accensione del carburante e il veicolo resta fermo.

Costo

Il costo per sostituire la pompa del carburante è, in genere, molto elevato. La spesa per la sola pompa del carburante diesel o benzina si attesta a circa €700-1000. I ricambi originali sono assolutamente obbligatori da montare e, nel mercato, non esistono pompe compatibili se non quelle utilizzate dalla casa madre.

La manodopera è, normalmente, specializzata e per questo motivo incide sul costo. In genere possono servire circa 3 o 4 ore di manodopera per un costo complessivo di circa €300.

Manutenzione, revisione e durata

Normalmente, la durata della pompa della benzina è pari alla durata della vettura. Sebbene la pompa possa essere revisionata è davvero raro ricorrere a questa necessità a patto che si rispettino alcune precauzioni.

  • Utilizzare carburanti di qualità. Evitare, ad esempio, di rifornirsi da carburanti stoccati per lungo tempo in taniche o bidoni, poiché potrebbero presentare dei sedimenti.
  • Fare regolarmente i tagliandi. In questo modo è possibile sostituire il filtro del carburante, che garantisce un ulteriore livello di pulizia della benzina/diesel.
  • Effettuare una diagnosi ciclicamente. Anche in assenza di anomali, potrebbe essere utile effettuare una diagnosi. In questo modo è possibile, in modo preventivo, scoprire eventuali anomali che possono portare alla rottura della pompa del carburante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *