Truffe nel cambio gestore, cosa fare?

by | Nov 28, 2020 | Senza categoria | 0 comments

La liberalizzazione delle tariffe per le utenze di elettricità, telefono e gas ha – senza dubbio – permesso a molte aziende di operare in regime di concorrenza offrendo al consumatore finale offerte più articolate e convenienti. L’apertura del mercato ha, tuttavia, posto in essere una spiacevole situazione: l’accaparramento selvaggio degli utenti.

Telefonate, email e perfino campagne porta a porta rappresentano la routine. Questi comportamenti sono il risultato di un sistema che coinvolge molte agenzie che hanno un solo scopo: far effettuare a quanti più utenti il passaggio da un operatore a un altro. La regolamentazione in tal proposito è molto definita: qualsiasi proposta deve essere chiara e deve essere posta nei limiti della privacy. Alcune agenzie, tuttavia, non si pongono troppi scrupoli e mettono in atto delle vere e proprie truffe a danno dei consumatori.

Porta a porta

Il porta a porta è, in assoluto, il modello meno affidabile per recepire qualsiasi offerta. Questo avviene poiché l’utente ha poco tempo per valutare la convenienza, o la non convenienza, e spesso è sopraffatto da alcune pratiche scorrette. L’esempio tipico è quello di un venditore che finge di appartenere al gestore e chiede la famosa “ultima bolletta”, minacciando qualora non vi fosse esito la cessazione della linea elettrica, telefonica o del gas.

Diffidate dal porta a porta

Non tutti i venditori o i promotori porta a porta sono scorretti, questo è chiaro. Ma il rischio è elevato. Per questo motivo è bene diffidare e non firmare mai nulla oppure rilasciare niente di personale (documenti, numeri, bollette).

Questo, specifico, caso è configurabile come vera e propria truffa poiché si propone, in modo del tutto fraudolento, un contratto senza specificare in modo corretto gli elementi necessari alla valutazione della proposta.

I danni che derivano da questi comportamenti fraudolenti sono ingenti. L’utente è costretto a dimostrare di non aver compreso i termini o, in alcuni casi, perfino di non aver mai firmato alcun contratto. Queste operazioni sono molto dispendiose in termini di tempo e possono necessitare del supporto legale.

Tesserini, badge e identificazione

Chi commette truffe porta a porta ha un obiettivo: farsi consegnare una recente fattura dalla quale annoterà (magari tramite fotografia) il codice del contratto, l’anagrafica del titolare e il codice di migrazione. Per fare ciò potrebbe usare delle tecniche tramite le quali può guadagnare la fiducia dell’ignaro cittadino. Una tra queste tecniche è l’esibizione di un falso tesserino, con dei loghi che corrispondono a una delle maggiori società di distribuzione/vendita dei servizi elettrici, telefonici o del gas.

Non mostrare mai, e per nessun motivo, fatture o documenti d’identità a chi si presenta a casa sostenendo di essere un funzionario o un incaricato.

Chiamata da call center

Anche le chiamate da call center possono trarre in inganno i consumatori. In linea di massima, gli operatori che mettono in atto questo tipo di proposte tendono a ottenere il codice di migrazione e il recapito per trasferire, verso altro operatore, l’utenza. La velocità attraverso il quale i call center possono chiamare molte persone è tale da poter operare numerose condotte nefaste nei confronti di ignari utenti.

Recedere e tutelarsi

Il primo passo per la prevenzione e per evitare le truffe del cambio di gestore è quello di tenere gli occhi sempre aperti. Se ciò non bastasse è possibile, legalmente, procedere alla rescissione del contratto entro un tempo prestabilito. Entro quanto tempo è possibile recedere dal cambio operatore? Entro trenta giorni va inviata una raccomandata a ricevuta di ritorno o, meglio ancora, una PEC al nuovo operatore riportando il nome, il numero dell’utenza (telefono, contatore), l’indirizzo esatto e il numero del contratto di subentro, cioè quello firmato.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Auto a folle quanto si risparmia di carburante?

Auto a folle quanto si risparmia di carburante?

Durante la marcia è possibile risparmiare benzina o diesel lasciando il motore a folle? Questo "trucco" sembra far risparmiare carburante ed è utilizzato da molti automobilisti. Durante i tragitti in discesa, la macchina acquisterà velocità senza l'intervento del...

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni

L'esercizio arbitrario delle proprie ragioni è un reato che fa capo all'articolo 393 del codice penale. Rappresenta un tipo di delitto che si configura quando un soggetto, nel tentativo di far valere le proprie ragioni (reali, presunte o inesistenti) minaccia o...

Patente ritirata, è possibile guidare per una emergenza?

Patente ritirata, è possibile guidare per una emergenza?

La domanda è questa: è possibile guidare con la patente ritirata a causa di una emergenza, ad esempio per recarsi all'ospedale? La patente ritirata, ed è facile comprenderlo, in linea teorica non permette di guidare alcun mezzo. Esistono delle situazioni per le quali...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: